Il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC)

Da OLTRE IL GIARDINO.

Il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC) di Trieste ha sede presso l’Ospedale Maggiore. La sua funzione principale è svolgere attività di intervento psichiatrico per i casi di urgenza. Offre altresì interventi di consulenza ai reparti ospedalieri che ne facciano richiesta.

Obiettivo del servizio di diagnosi e cura è ridurre il più possibile la durata del ricovero ospedaliero, in linea con i principi della territorialità e della continuità della cura.

Le dimissioni sono rapide proprio perché concordate e coordinate con i servizi e gli interventi nell’area dell’urgenza e dell’emergenza psichiatrica e sono seguiti in accordo con i Centri di Salute Mentale di competenza territoriale, per favorire la presa in carico delle situazioni anche più complesse da parte di questi e nel più breve tempo possibile.

Il modello organizzativo dell’SPDC, che opera in stretto collegamento con i Centri di Salute Mentale, ha consentito finora che gli utenti, anche nelle situazioni più gravi, mantenessero i contatti con il proprio ambiente per un più agevole superamento delle situazioni di crisi.

Le porte del Servizio sono sempre aperte e non si ricorre in nessun caso alla contenzione, come nel resto del sistema di salute mentale a Trieste e Gorizia e nel resto della regione. La contenzione - e la necessità di non ricorrere ad essa - si riferisce al sistema di trattamento di quelli che un tempo venivano definiti alienati mentali.

Le modalità di organizzazione ‘no-restraint”, presente solo in pochi servizi in Italia come pure nel mondo, escludono l’uso dei mezzi di coercizione meccanica, al fine di garantire e sostenere attivamente i diritti civili e la dignità delle persone, anche nei momenti di maggior difficoltà, in servizi open-doors e nella prospettiva di una continuità di cura in raccordo con i servizi territoriali.


Bibliografia

Alice Banfi, Giovanna Del Giudice, Pier Aldo Rovatti, Slegalo!, Becco Giallo Editore

Giovanna Del Giudice, “...e tu slegalo subito. Sulla contenzione in psichiatria”, AlphaBeta edizioni, 2020