Differenze tra le versioni di "Falegnameria "Hill""

Da OLTRE IL GIARDINO.
Riga 1: Riga 1:
Nel corso degli anni Ottanta, all' interno del [[Il parco di san Giovanni|Parco di San Giovanni,]] emerge la volontà di curare i luoghi di cura che per lungo tempo erano stati luoghi di repressione e negazione del soggetto.  
Nel corso degli anni Ottanta, all' interno del [[Il parco di san Giovanni|Parco di San Giovanni,]] emerge la volontà di curare i [[luoghi di cura]] che per lungo tempo erano stati luoghi di repressione e [[negazione del soggetto]].  


Questa idea vuole ripensare i luoghi e gli oggetti a partire da come vengono percepiti soggettivamente e dal loro rapporto con le persone che convivono con essi. L' idea supera la dicotomia formale di bello e brutto, in quanto costruzione sociale vincolante e oggettivizzata, per lasciar parlare i luoghi stessi e concretizzare poi ciò che suggeriscono.  
Questa idea vuole ripensare i luoghi e gli oggetti a partire da come vengono percepiti soggettivamente e dal loro rapporto con le persone che convivono con essi. L' idea supera la dicotomia formale di bello e brutto, in quanto costruzione sociale vincolante e oggettivizzata, per lasciar parlare i luoghi stessi e concretizzare poi ciò che suggeriscono.  


Il processo storico di deistituzionalizzazione trasforma questa idea in una necessita, ovvero quella di eliminare il passato architettonico istituzionalizzato per ricreare degli spazi lasciando il potere all' immaginazione e allo stesso processo rivoluzionario che si esprime quindi in gesti, idee e spazi nuovi.  
Il processo storico di deistituzionalizzazione trasforma questa idea in una necessità, ovvero quella di eliminare il [[passato architettonico istituzionalizzato]] per ricreare degli spazi lasciando il potere all' immaginazione e allo stesso processo rivoluzionario che si esprime quindi in gesti, idee e spazi nuovi.  


La falegnameria Hill ed il lavoro grafico del Gruppo ZIP operano in questa direzione nella sua dimensione teorica e nella sua dimensione pratica, nasce così un laboratorio di progettazione e produzione sperimentale, in cui si elaborano oggetti, ambienti, arredi, allestimenti ed habitat sociali per gli spazi del Parco di San Giovanni e non solo.  
La falegnameria Hill ed il lavoro grafico del [[Gruppo ZIP]] operano in questa direzione nella sua dimensione teorica e nella sua dimensione pratica, nasce così un laboratorio di progettazione e produzione sperimentale, in cui si elaborano oggetti, ambienti, arredi, allestimenti ed habitat sociali per gli spazi del Parco di San Giovanni e non solo.  


L'esperienza e la produzione della falegnameria Hill riprendono attentamente il lavoro e le elaborazioni teoriche dell'anti-architetto [[Antonio Villas]], in particolare la nozione di [[Habitat sociale|habitat sociale.]]
L'esperienza e la produzione della falegnameria Hill riprendono attentamente il lavoro e le elaborazioni teoriche dell'anti-architetto [[Antonio Villas]], in particolare la nozione di [[Habitat sociale|habitat sociale.]]

Versione delle 11:43, 10 dic 2021

Nel corso degli anni Ottanta, all' interno del Parco di San Giovanni, emerge la volontà di curare i luoghi di cura che per lungo tempo erano stati luoghi di repressione e negazione del soggetto.

Questa idea vuole ripensare i luoghi e gli oggetti a partire da come vengono percepiti soggettivamente e dal loro rapporto con le persone che convivono con essi. L' idea supera la dicotomia formale di bello e brutto, in quanto costruzione sociale vincolante e oggettivizzata, per lasciar parlare i luoghi stessi e concretizzare poi ciò che suggeriscono.

Il processo storico di deistituzionalizzazione trasforma questa idea in una necessità, ovvero quella di eliminare il passato architettonico istituzionalizzato per ricreare degli spazi lasciando il potere all' immaginazione e allo stesso processo rivoluzionario che si esprime quindi in gesti, idee e spazi nuovi.  

La falegnameria Hill ed il lavoro grafico del Gruppo ZIP operano in questa direzione nella sua dimensione teorica e nella sua dimensione pratica, nasce così un laboratorio di progettazione e produzione sperimentale, in cui si elaborano oggetti, ambienti, arredi, allestimenti ed habitat sociali per gli spazi del Parco di San Giovanni e non solo.

L'esperienza e la produzione della falegnameria Hill riprendono attentamente il lavoro e le elaborazioni teoriche dell'anti-architetto Antonio Villas, in particolare la nozione di habitat sociale.