I concetti di potere, psichiatria e follia in Michel Foucault e Robert Castel

Da OLTRE IL GIARDINO.
Versione del 13 ott 2021 alle 13:31 di Oltreilgiardino (discussione | contributi) (Creata pagina con "Il filosofo francese Michel Foucault (1926-1984), autore di opere fondamentali quali Sorvegliare e punire e Le parole e le cose ha elaborato un’ampia teoria sulla storia del...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Il filosofo francese Michel Foucault (1926-1984), autore di opere fondamentali quali Sorvegliare e punire e Le parole e le cose ha elaborato un’ampia teoria sulla storia del problema della follia e del potere psichiatrico.

In particolar modo secondo Foucault la società occidentale a partire dalla Grecia antica quando la vita cittadina era tale in quanto gli uomini erano liberi ha sviluppato, a partire dall’età moderna cioè dal 1600 circa, i  concetti di prigione e reclusione.

La società occidentale ha sviluppato in particolar modo il concetto di repressione, della sessualità soprattutto ma anche della follia, dando spazio al sorgere di quell’istituzione fondamentale per il potere psichiatrico che è il manicomio.

Il manicomio rifiuta la follia come componente naturale dell’essere umano e diviene un’istituzione pertanto repressiva.

I concetti elaborati da Foucault sono stati ripresi anche dal sociologo francese Robert Castel (1933-2013), appunto i temi sulla storia della follia e del potere psichiatrico.