Differenze tra le versioni di "Il Centro di Salute Mentale della Maddalena"

Da OLTRE IL GIARDINO.
 
Riga 1: Riga 1:
Il [[I Centri di Salute Mentale|Centro di Salute Mentale]] della Maddalena fa capo al distretto sanitario n. 2 ed ha sede in via del Molino a Vento 123.
Il Centro di Salute Mentale della Maddalena fa capo al secondo distretto sanitario e ha sede in una palazzina a tre piani, nei luoghi in cui vi era un tempo l’ospedale geriatrico della Maddalena.  


È situato in una palazzina a tre piani (1.500 mq), nei luoghi in cui vi era un tempo l’ex ospedale infettivi della Maddalena.
Offre prestazioni, interventi e programmi per gli utenti e i loro familiari.


Il CSM offre prestazioni, interventi e programmi sia per gli utenti che per i familiari. E’ attivo sulle 24 ore, con 6 posti letto per l’ospitalità diurna e notturna; svolge attività di emergenza e urgenza, attività ambulatoriali, di day hospital e di centro diurno, accogliendo domande molto diversificate.
È attivo sulle ventiquattro ore, con sei posti letto per l’ospitalità diurna e notturna; svolge attività di emergenza e urgenza, attività ambulatoriali, day hospital e centro diurno, accogliendo domande molto diversificate e svolgendo molte attività domiciliari. Il restauro del Centro di Salute Mentale della Maddalena, che sostituisce il Centro di Salute Mentale di Via della Guardia, è stato curato da Antonio Villas come “habitat sociale”. Le scuole, gli ospedali, i centri di salute sono solitamente progettati come “anti-luoghi”, dove vengono negati i bisogni di relazione e socialità di chi li frequenta. Si tratta quindi di immaginarli diversamente, in modo da venire incontro ai bisogni e le aspettative delle persone.  


I servizi di salute mentale garantiscono anche l’organizzazione degli interventi rivolti alla tutela della salute mentale e dei disturbi del comportamento di adolescenti e giovani adulti (tra i 15 ed i 25 anni), in collaborazione con altre strutture aziendali ed extra aziendali.
A Trieste, oltre alla Maddalena, il Centro Donna e il Distretto 3, Antonio Villas ha curato la ristrutturazione del Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura all’interno dell’Ospedale Maggiore come pure vari spazi della salute territoriale e ospedaliera di Aversa in Campania, dove Franco Rotelli è stato direttore della azienda sanitaria dal 2001 al 2004.
 
I programmi e gli interventi non sono indirizzati solo alla popolazione che presenta problemi e disturbi mentali gravi, che rappresenta comunque l’assoluta priorità, ma a tutti coloro che in cicli e fasi della loro vita sperimentano stati più o meno prolungati di angoscia e di tristezza, di paura e di ansia.

Versione attuale delle 11:54, 17 mag 2022

Il Centro di Salute Mentale della Maddalena fa capo al secondo distretto sanitario e ha sede in una palazzina a tre piani, nei luoghi in cui vi era un tempo l’ospedale geriatrico della Maddalena.

Offre prestazioni, interventi e programmi per gli utenti e i loro familiari.

È attivo sulle ventiquattro ore, con sei posti letto per l’ospitalità diurna e notturna; svolge attività di emergenza e urgenza, attività ambulatoriali, day hospital e centro diurno, accogliendo domande molto diversificate e svolgendo molte attività domiciliari. Il restauro del Centro di Salute Mentale della Maddalena, che sostituisce il Centro di Salute Mentale di Via della Guardia, è stato curato da Antonio Villas come “habitat sociale”. Le scuole, gli ospedali, i centri di salute sono solitamente progettati come “anti-luoghi”, dove vengono negati i bisogni di relazione e socialità di chi li frequenta. Si tratta quindi di immaginarli diversamente, in modo da venire incontro ai bisogni e le aspettative delle persone.

A Trieste, oltre alla Maddalena, il Centro Donna e il Distretto 3, Antonio Villas ha curato la ristrutturazione del Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura all’interno dell’Ospedale Maggiore come pure vari spazi della salute territoriale e ospedaliera di Aversa in Campania, dove Franco Rotelli è stato direttore della azienda sanitaria dal 2001 al 2004.