Psichiatria e società in Francois Tosquelles

Da OLTRE IL GIARDINO.
Versione del 16 apr 2022 alle 18:42 di Oltreilgiardino (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

François Tosquelles (1912-1994) è stato un importante psichiatra e psicanalista catalano naturalizzato francese. È stato uno dei fondatori della psicoterapia istituzionale.

Tosquelles fu direttamente coinvolto negli stravolgimenti politici della Spagna degli anni Trenta: appena diplomato egli riesce a combinare la militanza rivoluzionaria con la pratica terapeutica, durante la guerra civile, infatti, combatte nelle milizie antifasciste del POUM (Partito operaio di unificazione marxista) e allo stesso tempo cura militanti e medici ingaggiati nella resistenza spagnola.

Con l’ascesa al potere di Franco, Tosquelles si rifugia in Francia dove inizia a lavorare come psichiatra e responsabile medico nel campo profughi di Septfonds. Da questa esperienza fortemente positiva, Tosquelles nel 1940 verrà chiamato all’ospedale psichiatrico di Saint-Alban.

Presso l’ospedale di Saint-Alban, Tosquelles avvia un radicale processo di trasformazione terapeutica ed istituzionale: i malati che erano sottoposti a razionamento escono dall’ospedale ed aiutano i contadini del territorio in cambio di derrate alimentari. Attraverso ulteriori iniziative come i club terapeutici (delle assemblee in cui malati e medici si riunivano senza divisioni gerarchiche) e attività artistiche, Tosquelles, nel corso di vent’anni di lavoro (fino al 1962), riesce a cambiare radicalmente i rapporti tra malato, medico e territorio contribuendo al processo di deistituzionalizzazione.

Tosquelles ha concepito da subito la lotta politica anche nel campo della psichiatria. A livello teorico egli concepiva la pratica psichiatrica come un pragmatismo costituito dall’analisi concreta marxista, dal metodo fenomenologico e dalla psicoanalisi. Da rivoluzionario marxista, egli vuole rimettere in discussione le fondamenta ed i paradigmi del sistema capitalista. Ne consegue, contemporaneamente e non successivamente, la messa in discussione delle pratiche psichiatriche e dei rapporti di potere e proprietà radicati nell’ istituzione (Tosquelles dirà: «non si può curare qualcuno se l’istituzione stessa è malata»).

La lotta a tutte le forme di oppressione e contro ogni forma di violenza (Tosquelles fu condannato a morte prima dai franchisti e poi anche dagli stalinisti), la difesa della libertà e della propria identità catalana (e di tutte le identità) si sono perfettamente inserite nella sua pratica psichiatrica, che deve mettere in primo piano la soggettività del malato e del medico ed il loro rapporto.