Differenze tra le versioni di "Réseau 1977"

Da OLTRE IL GIARDINO.
(Creata pagina con "Il “Réseau internationale” di alternativa alla psichiatria nasce nel 1976 a Bruxelles come gruppo che raccoglie le esperienze di assistenza psichiatrica alternativa (rifi...")
 
Riga 1: Riga 1:
[[File:Reseau.png|sinistra|miniatura]]
Il “Réseau internationale” di alternativa alla psichiatria nasce nel 1976 a Bruxelles come gruppo che raccoglie le esperienze di assistenza psichiatrica alternativa (rifiuto dei meccanismi di  controllo sociale inevitabili in ogni intervento terapeutico, dell’ideologia e della critica generica, e valorizzazione della ricerca analitica e del lavoro concreto).
Il “Réseau internationale” di alternativa alla psichiatria nasce nel 1976 a Bruxelles come gruppo che raccoglie le esperienze di assistenza psichiatrica alternativa (rifiuto dei meccanismi di  controllo sociale inevitabili in ogni intervento terapeutico, dell’ideologia e della critica generica, e valorizzazione della ricerca analitica e del lavoro concreto).



Versione delle 12:52, 6 ago 2021

Reseau.png

Il “Réseau internationale” di alternativa alla psichiatria nasce nel 1976 a Bruxelles come gruppo che raccoglie le esperienze di assistenza psichiatrica alternativa (rifiuto dei meccanismi di  controllo sociale inevitabili in ogni intervento terapeutico, dell’ideologia e della critica generica, e valorizzazione della ricerca analitica e del lavoro concreto).

Nel settembre 1977, nel comprensorio dell'ospedale psichiatrico di Trieste, si svolge il terzo incontro del Réseau internazionale di alternativa alla psichiatria, intitolato "Il circuito del controllo", a cui partecipano circa quattromila persone.

Il convegno ospita una serie di mostre (murales, pannelli e manifesti, oltre a quella dedicata a “I testimoni” di Ugo Guarino), proiezioni cinematografiche (per esempio le pellicole girate in America da Fred Wiseman), e spettacoli teatrali (Dario Fo e Franca Rame).

Durante l’incontro si forma un gruppo di operatori di salute mentale, psichiatri, infermieri, utenti d’accordo nel lottare contro l’oppressione propria della psichiatria istituzionale, creare delle esperienze collettive di alternativa, rifiutare la componente repressiva delle terapie tradizionali.

La lotta deve andare di pari passo a quella sociale andando a combattere i problemi di alienazione ed emarginazione alimentati dalla società contemporanea.

La contestazione deve avvenire a livello culturale (mezzi di informazione e stampa) e socio politico attraverso l’individuazione dei meccanismi economici e giuridici che permettono la componente repressiva presente nelle istituzioni, l’emarginazione sociale e l’alienazione.

Il réseau rifiuta l’ospedale psichiatrico come luogo di cura e internamento.